ALBERTO BUSETTINI (Udine 1978), dopo aver scoperto da bambino la bellezza del clavicembalo, ha completato gli studi accademici presso il Conservatorio “Agostino Steffani” di Castelfranco Veneto, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode nella classe della prof.ssa Lia Levi Minzi. Gli studi in Olanda con Johan Hofmann sono stati fondamentali nella sua formazione sull’estetica dello strumento, il basso continuo e la prassi esecutiva della musica barocca. Diploma di merito presso l’Accademia Musicale Chigiana con il maestro Christophe Rousset, è apprezzato come concertista e maestro al cembalo in diversi Festival di Musica Antica: Grandezze e Meraviglie, Festival delle Ville Venete, Wunderkammer, Berlin Alte Musik live, Settimane Musicali del Teatro Olimpico, Musikfest Kreuth, Festival Monteverdi, Lubiana Festival per citarne alcuni; ha ormai al suo attivo centinaia di concerti in Europa, America e SudAfrica, anche in collezioni di strumenti originali. Ha suonato e si esibisce regolarmente con artisti di fama internazionale quali Stefano Montanari, Enrico Bronzi, Sara Mingardo, Alfredo Bernardini, Anna Fusek, Sergey Malov, Gabriele Cassone, Ivano Zanenghi, Michael Radulescu, Filippo Maria Bressan, Giorgio Fava, Walter Vestidello, Simone Vallerotonda, Federico Toffano, Silvia Frigato, Mark Tucker e molti altri. Assieme a ContrArco Baroque Ensemble è protagonista di un’intensa attività concertistica dedicata prevalentemente alla musica veneziana del Sei e Settecento. Con il violinista Stefano Montanari ed il liutista Ivano Zanenghi si dedica alla formazione di giovani musicisti attraverso il progetto europeo Junges MusikPodium Dresden – Venedig, con stages e concerti in Italia e Germania. Tiene regolarmente Masterclasses e conferenze in Italia ed all’estero. Collabora con la Venice Baroque Orchestra diretta dal maestro Andrea Marcon; dal 2017 è tastierista ufficiale nell’Orchestra d’Archi Italiana diretta da Enrico Bronzi. Collabora inoltre in qualità di clavicembalista e maestro di sala con il Teatro La Fenice.

Insegna Clavicembalo, Basso Continuo ed Historically Informed Interpretation Praxis presso il Dipartimento di Musica Antica della Facoltà di Musica dell’Università di Lubiana (Slovenia) diretto dal prof. Egon Mihajlovic.

Dopo la diretta a Radio3 suite, Alberto Busettini è stato protagonista di numerosi Recital clavicembalistici, come presso il Teatro La Fenice di Venezia ed al Festival Internazionale di Clavicembalo di Roma. In Autunno 2016 ha tenuto negli Stati Uniti una serie di Recital solistici a Washington, New York ed in altre città americane per Aberfoyle Baroque. A Settembre 2017 sarà di nuovo negli Stati Uniti.

Tra gli impegni più importanti nella primavera – estate del 2017, la Krönungsmesse di W. A. Mozart su strumenti originali, diretta da Filippo Maria Bressan in collaborazione con Antiqua Vox di Treviso, un tour in Sud America con Romina Basso e la Venice Baroque Orchestra. In autunno dirigerà il coro del Friuli Venezia Giulia e l’orchestra barocca San Marco in un ciclo di cantate bachiane.

Dal 2017 è Direttore Artistico del Festival Risonanze e Assessore alla cultura ed istruzione per il Comune di Malborghetto-Valbruna.

Some Critics about Alberto:

In XVII Century’s Italian Music “Alberto Busettini shows from the first bars great technical skills and a phrasing adhering Baroque aesthetics based on the wonder and the representation of the affects.”

About performing Scarlatti’s Sonatas “The influences of Spanish folk music that reverberates in Scarlatti are evident, thanks to the clarity of Busettini, extremely attentive to details of the score, even the less obvious ones.

In the French Repertoire “ the public can admire in the Italian Harpsichordist the great choice of Tempi for the dances and pieces and the richness of the ornaments as Couperin wanted; Rameau and Royer give to Busettini the opportunity to show his technical skills in this real virtuoso style.”

InstArt © Sergio Zolli

In the Johannes Passion by J. S. Bach “Noticeable in the orchestra was Alberto Busettini at the positive organ, capable of breathing together with singers, creating with the voice a close relationship with a deep emotional content.”

© Rossana Paliaga

a flawless performance, a crossed hands tour-de-force”, “His Royer’s Marche des Sythes was spectacular.”

© Mark Adler